Nagorno Karabakh

Dopo il crollo dell'URSS, l'ex stato-nazione sovietico della Regione Autonoma di Nagorno Karabakh e la regione Shahumian abitata da armeni si sono uniti per formare la Repubblica del Nagorno Karabakh (NKR). L’Indipendenza del NKR è stata dichiarata il 2 settembre 1991, in conformità con le norme fondamentali del diritto internazionale.

Storia

Nagorno Karabakh (in armeno, Artsakh) si trova nella zona nord-orientale dell’altopiano armeno. Sin dai tempi antichi, è stata una provincia dell’Armenia storica. Il confine nord-orientale, secondo tutte le fonti antiche, fu il fiume Kura. Nello stato antico armeno di Urartu (9-6 sec. A.C.), si è riferito a Artsakh come Urtekhe-Urtekheni. La natura e il clima della regione montagnosa sono condizionati dalla sua posizione geografica favorevole. Nelle loro opere Strabone, Plinio il Vecchio, Claudio Tolomeo, Plutarco, Dione Cassio, e altri osservano che il confine tra l'Armenia e Aghvank (Albania caucasica, la sua vicina caucasica più antica che rappresenta un misto di popoli di montagna) è stato il fiume Kura.

Dopo 387A.D., l'Armenia fu spartita tra Bisanzio e la Persia. Transcaucasia orientale, inclusa Artsakh, passò sotto il dominio persiano. Questo non ha influenzato i confini etnici della regione fino al tardo Medioevo; la riva destra del Kura, insieme ad Artsakh (Karabakh ) ha continuato a rimanere abitata da armeni. Solo a metà del 18° secolo le tribù nomadi turche iniziano penetrare i confini settentrionali del Karabakh , avviando decenni di guerre contro le famiglie nobili armene.
 

La nobiltà del Nagorno Karabakh, governata dai melik (signori nobili ereditari), è stata in grado di mantenere una reale autonomia dovuta ad unità militari di tipo personale, nobiliare, e altro. Costretto a resistere non solo agli attacchi degli eserciti dell'Impero Ottomano, invasioni tribù nomade, numerose e spesso ostili unità dei vicini khan ma anche agli eserciti dei scià persiano, i melik di Artsakh tentavano di liberarsi dal dominio straniero (di diverse religioni). Per tale scopo, nel corso dei secoli XVII-XVIII i melik di Karabakh tenevano corrispondenza con i zar russi, tra cui Pietro I e Paolo I.

Nel 1805, il territorio storico dell'Artsakh, artificialmente denominato "Khanato di Karabakh," insieme ad altri territori estesi per la Transcaucasia orientale, è stato annesso al "dominio eterno" dell'Impero russo. I trattati di Gulistan (1813) e Turkmenchay (1828) sottoscritti tra la Russia e la Persia hanno ratificato questo.

Artsakh nel XX secolo

C'è stato un periodo di pace, che durò fino al 1917. Dopo il crollo dell'impero russo, che causò un nuovo accordo di stati di recente formazione nel Caucaso, Il Nagorno Karabakh divenne un palcoscenico di guerra. La Repubblica Indipendente di Armenia e la neonata Repubblica Democratica di Azerbaigian, creata a causa di un intervento turco, si scontrarono su tutto il territorio tra il 1918 e il 1920. Dal momento della sua formazione, Repubblica Democratica dell'Azerbaigian fece delle rivendicazioni territoriali significative per quanto riguarda le terre armene in Transcaucasia. Approfittando dello stato confuso di cose a causa della guerra mondiale, il crollo dell'Impero russo, e come una continuazione del genocidio del 1915 degli armeni, dal 1918 a 1920 le forze turche si unirono con le unità militari azere per distruggere centinaia di villaggi armeni. Massacri organizzati di armeni avvennero a Baku e a Gyanja. Solo in Nagorno Karabakh le formazioni militari affrontarono una seria resistenza armata, nonostante il fatto che il 28 marzo 1920, Shushi, la capitale della zona, era stata bruciata, saccheggiata e la sua popolazione armena annientata.

A quel tempo, la comunità internazionale ha ritenuto indispensabile il proprio coinvolgimento nel conflitto. Il 1 dicembre 1920, il V Comitato della prima Società delle Nazioni, sulla base di una relazione della terza sottocommissione, ha deciso all'unanimità di votare contro l’accettazione della Repubblica Democratica di Azerbaigian nella Società delle Nazioni, tenendo conto le ambizioni territoriali dell'Azerbaigian e i diffusi massacri di armeni. La Società delle Nazioni, prima della risoluzione finale del conflitto, riconobbe il Nagorno Karabakh come un territorio conteso, fatto che fu accettato da tutte le parti, compreso l’Azerbaigian. Così, dal 1918-1920, durante la formazione della Repubblica Democratica di Azerbaigian, la sua sovranità non ha incluso il Nagorno Karabakh o il Nakhijevan.

In Transcaucasia, il consolidamento del regime sovietico è stato accompagnato da un nuovo sistema politico. Nel 1920, dopo l'istituzione dell'Azerbaigian sovietica, le forze russe temporaneamente occuparono Nagorno Karabakh secondo il trattato tra la Russia Sovietica e la Repubblica d’Armenia fino alla soluzione pacifica del conflitto.

Immediatamente dopo la costituzione del regime sovietico in Armenia, il Revcom (Comitato Rivoluzionario – il principale strumento di potere bolscevico in quel momento) dell'Azerbaigian fece una dichiarazione di riconoscimento del Nagorno Karabakh, Zangezur, e Nakhijevan come parti inseparabili dell’Armenia. In effetti, la dichiarazione rinunciava a qualsiasi pretesa della Repubblica di Azerbaigian su Nagorno Karabakh, Zangezur e Nakhijevan.

Sulla base di questa dichiarazione, e in seguito all'accordo tra i governi dell'Armenia e dell'Azerbaigian, nel giugno del 1921, l'Armenia ha dichiarato il Nagorno Karabakh sua parte inseparabile. Il testo del decreto emanato dal governo armeno è stato pubblicato in media dell'Armenia e dell'Azerbaigian ("Baku Worker" organo del Comitato Centrale del Partito comunista del Azerbaigian, 22 giugno 1921). Pertanto, l'unificazione documentata di Nagorno Karabakh all'Armenia, nel contesto del diritto internazionale, è stato l'ultimo atto giuridico da parte del regime Comunista Transcaucasia.

La Russia e la comunità internazionale accolsero favorevolmente l'atto di annessione. L’Assemblea della Società delle Nazioni, il 18 dicembre 1920, ha ratificato l'annessione con una risoluzione. Il segretario esecutivo della Società delle Nazioni, nel suo memorandum agli Stati membri, al massimo organo della RSFSR al Commissariato (Ministero) del Popolo per gli Affari Esteri, e nella sua relazione annuale 1920-1921 alla 11ª sessione Sovietica riconobbe l'unificazione.

Tuttavia poco dopo, i leader bolscevichi in Russia avevano delle ispirazioni e desideri politici di promuovere una "rivoluzione comunista internazionale". Per raggiungere questo obiettivo, alla Turchia è stato assegnato il ruolo di "portatore della fiaccola della rivoluzione in Oriente". Ciò ha determinato un cambiamento di atteggiamento in materia di questioni etniche condivise dalla Turchia con l’Azerbaigian e la questione dei territori contesi, tra cui il Nagorno Karabakh.

I leader di Azerbaigian, sotto la direzione di Mosca, riavviarono discorsi sulle loro richieste di Nagorno Karabakh. Nel 1921, la sessione plenaria della presidenza del Caucaso HKbK, ignorò la decisione della Società delle Nazioni e rifiutò di accettare il plebiscito come un meccanismo democratico per determinare i confini tra l’Armenia e l’Azerbaigian. Sotto la pressione immediata di Stalin, fu presa la decisione di separare Nagorno Karabakh da Armenia con la forza, in contraddizione con l'atto di unificazione e violando il principio, anche se si era stipulato che su quelle terre armene, sotto il governo della Repubblica Sovietica Socialistica dell’Azerbaigian sarebbe stabilito l'autonomia nazionale, con ampi privilegi.

Azerbaigian ritardò in tutti i modi possibili di dare l’autonomia a Nagorno Karabakh. A seguito di una lotta armata condotta dai karabakhtsi che durò due anni e l'insistenza del HKbK, infine nel 1923, su una piccola parte del terreno è stato stabilito una regione autonoma. Nagorno Karabakh, a quanto pare da una decisione presa da lontano, fu divisa. Una parte è diventata autonoma, mentre l'altra parte assimilata alle regioni amministrative di dell'Azerbaigian Sovietica, in modo che il legame fisico e geografico tra l'Armenia e la regione autonoma armena sono stati neutralizzati.

Così, una parte significativa dei territori che la Società delle Nazioni aveva riconosciuto come contesi è stata annessa con forza all’Azerbaigian, e le frontiere della regione autonoma esclusero molte aree del Nagorno Karabakh [Gulistan, Kelbajar, Karakhat (Dashkesan), Lachin, Shamkhor, ecc.].

In effetti, la questione del Karabakh non è stato risolto, ma è stato congelato per 70 anni. La maggioranza armena del Nagorno Karabakh, in molte occasioni, ha presentato ricorso con lettere e petizioni alle autorità centrali di Mosca, chiedendo che venga annullata la decisione incostituzionale e illegale del 1921 e il trasferimento del Nagorno Karabakh all'Armenia. Neanche durante la repressione staliniana, quando le condizioni erano maturi per l'esilio di tutta la popolazione dalla loro patria storica (come nel caso delle altre nazioni che erano stati sottoposti a repressioni), la lotta degli armeni del Nagorno Karabakh di essere liberati dall’Azerbaigian Sovietica non cessò.

La questione dell’Artsakh

L'anno 1988 è diventato un punto di svolta nella storia del Nagorno Karabakh. Il popolo di Artsakh alzò la voce in difesa dei suoi diritti e della libertà. Rispettando tutte le norme giuridiche esistenti e utilizzando mezzi esclusivamente democratici per esprimere la loro volontà, la popolazione armena del Nagorno Karabakh ha chiesto l'unificazione con l'Armenia. Tali eventi sono stati critici non solo nella vita degli armeni dell’Artsakh, ma, di fatto, hanno predeterminato il successivo destino di tutta la nazione armena. Il 20 febbraio 1988, la sessione straordinaria del Consiglio (sovietico) dei Deputati del Popolo della Regione Autonoma del Nagorno Karabakh ha preso una decisione storica. Ciò includeva un appello all’Azerbaigian Sovietica per la secessione della regione, un appello all’Armenia Sovietica per l'unificazione, e un appello al Soviet Supremo dell'URSS di riconoscere questo cambiamento basato su norme giuridiche e su precedenti nella risoluzione delle controversie analoghe nel URSS.

Ogni sforzo per discutere la controversia in modo civile è stato seguito da un aumento della violenza, violazione massiccia e diffusa dei diritti della popolazione armena, il blocco economico, ecc. Centinaia di chilometri dalla Regione Autonoma di Karabakh sono stati organizzati massacri e omicidi di massa di armeni nelle città azere – Sumgait, Baku, Kirovabad, Shamkhor, e in seguito in tutto l'Azerbaigian. Più di 450.000 armeni dalle città e villaggi dell’Azerbaigian e del Nagorno Karabakh divennero rifugiati. 



Una sessione congiunta dei consigli regionali dei Deputati del Popolo del Nagorno Karabakh e di Shahumian, il 2 settembre 1991, ha dichiarato l'istituzione della Repubblica di Nagorno Karabakh (NKR) nelle vecchie frontiere della Regione Autonoma di Nagorno Karabakh (NKAR) e la regione Shahumian. Una dichiarazione di indipendenza è stata firmata per il NKR. La legittima autonomia è stata realizzata a base della legislazione dell'URSS del 3 aprile 1990: "Il regolamento che disciplina le questioni riguardanti della secessione di una Repubblica federata dall'URSS". Questa legge disciplinava il diritto delle autonomie nazionali di decidere autonomamente il loro status di stato-legale dopo la secessione dall'URSS. Nello stesso periodo, il Soviet Supremo dell'Azerbaigian (novembre 1991), contrariamente a tutte le norme legali, ha approvato una legge di liquidazione del NKAR, che la Corte costituzionale dell'URSS ha dichiarato incostituzionale. 



Solo pochi giorni prima del crollo ufficiale dell'Unione Sovietica, il 10 dicembre 1991, un referendum si è tenuto nel Nagorno Karabakh con la stragrande maggioranza della popolazione ha votato a favore della totale indipendenza dall'Azerbaigian. Le elezioni parlamentari del NKR hanno seguito formando il primo governo. Il governo indipendente del NKR è andato a lavorare in condizioni di totale blocco, di guerra e di aggressione scatenata da Azerbaigian. 



Utilizzando le armi e materiale bellico del quarto esercito dell'URSS con sede nel suo territorio, Azerbaigian si era impegnato in azioni militari su vasta scala contro Nagorno Karabakh. Come è noto, la guerra continuò con successo variabile a partire dall'autunno del 1991 fino al maggio del 1994. Ci sono stati momenti in cui quasi il 60 per cento del territorio del Nagorno Karabakh è stato catturato, mentre la capitale Stepanakert e altre aree residenziali sono state quasi incessantemente sottoposte ai bombardamenti massicci ad aria e di artiglieria. Le forze di difesa del NKR sono state in grado di liberare la città di Shushi, nel maggio del 1992, e aprire un corridoio nei pressi della città di Lachin, creando la possibilità di riconnettere i territori delle NKR e l’Armenia, parzialmente neutralizzando in tal modo il blocco pluriennale del NKR. 



Nel mese di giugno-luglio del 1992, l'esercito azero cattura l’intera regione di Shahumian di NKR, una parte grande della regione di Martakert, e porzioni di Martuni, Askeran e Hadrut. Il Congresso degli Stati Uniti nel mese di agosto del 1992, ha adottato una risoluzione che condanna le azioni dell'Azerbaigian, con il divieto di assistenza economica da governo a governo per quello Stato.



Al fine di resistere all'aggressione azera, la vita nel NKR era completamente focalizzata sullo sforzo militare. Il 14 agosto 1992 è stato formato il Comitato della Difesa di Stato di NKR. Distaccamenti separati di difesa sono stati riconfigurati formando l’Esercito della Difesa di Nagorno Karabakh, sulla base di principi di disciplina e di comando centrale.


L’Esercito della Difesa di Nagorno Karabakh riuscì a liberare territori precedentemente catturati da Azerbaigian e, durante gli impegni militari, occupò alcune regioni azere confinanti con NKR che erano stati utilizzati come aree di tiro contro gli armeni. La creazione della zona di sicurezza precluse la minaccia immediata alla pacifica popolazione del NKR. 


Con la mediazione della Russia, del Kirghizistan, e del Consiglio interparlamentare della CSI, nella capitale del Kirghizistan, a Bishkek, il 5 maggio 1994, l'Azerbaigian, il Nagorno Karabakh e l’Armenia hanno firmato il protocollo di Bishkek. Secondo tale documento, le parti in conflitto hanno concordato una tregua, in vigore dal 12 maggio ad oggi.

Nel 1992, è stato costituito il Gruppo di Minsk dell'OSCE per risolvere il conflitto di Karabakh. Sotto i suoi auspici, un processo di negoziazione è stato creato per preparare la Conferenza di Minsk dell’OSCE che ha il dovere di trovare una soluzione definitiva per lo status del Nagorno Karabakh.

 

Sito ufficiale
MAE RA
La doppia
cittadinanza
Elettronica
visti
Domande di
visto